Lean Startup: come creare Modelli di Business di Successo

Vota questo articolo: 1  stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (Nessun voto)

Loading...


Lean Startup è una metodologia per creare nuovi modelli di business e nuovi prodotti proposta da Eric Ries nel 2011. Il libro scritto da Ries Partire leggeri. Il metodo Lean Startup: innovazione senza sprechi per nuovi business di successo è diventato un Bestseller assolutamente da leggere da chi vuole apprendere questa metodologia snella. Nel creare questo metodo Eric si è basato sull’esperienza in alcune Startup avviate negli Stati Unici  e terminate con un fallimento. L’insuccesso di queste Startup fu identificata da Ries nel fatto che ci si era focalizzati principalmente sul prodotto e non sul soddisfacimento del reale bisogno del cliente, si era sprecato molto tempo ed energia per il lancio del prodotto. La metodologia Lean Startup si basa sulla Lean Manufacturing (produzione snella) la quale afferma che ogni risorsa spesa per creare qualcosa che vada oltre il reale valore per il cliente può essere eliminato. Vista da parte del cliente per valore si intende qualsiasi azione o processo per il quale il cliente è disposto a pagare. A sua volta la produzione snella è una filosofia manageriale che ha origine nel Sistema di produzione Toyota che da una piccola azienda è diventata la più grande casa automobilistica al mondo.

I principi Lean Startup

  • Minimo Prodotto Fattibile (MPF) – Minimum Viable Product (MVP): è il prodotto minimo che permette di raccogliere il maggior numero di informazioni dal cliente e dal mercato a fronte del minor sforzo. Lo scopo del minimo prodotto fattibile è quello di testare le prime ipotesi sul prodotto nel minor tempo possibile per accelerare il ciclo di Creazione-Misurazione-Apprendimento;
  • Sviluppo continuo (Continuous deployment): è il processo in cui il codice prodotto per un’applicazione è subito sviluppato in produzione riducendo notevolmente i tempi;
  • Test A/B (Split Test): è un esperimento in cui si immettono sul mercato due versioni dello stesso prodotto per misurarne l’impatto ed il comportamento dei clienti e valutare quale versione fornisce maggiore valore per il cliente;
  • Metriche misurabili (Actionable metrics): Nel valutare i risultati di un prodotto sul mercato bisogna selezionare degli indicatori traducibili in azioni e non i cosiddetti indicatori delle vanità.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.